Istituto Istruzione Superiore 'Fermi' Gaeta

Sede legale Piazza Trieste Tel. 0771 461780 - Fax 0771 462104
Sede Via Calegna Tel. e Fax 0771 471560
e-mail: This email address is being protected from spambots. You need JavaScript enabled to view it.
PEC: This email address is being protected from spambots. You need JavaScript enabled to view it.

Una magistrale lezione di storia … a teatro!

spettacolo sulla guerraMercoledì 24 ottobre, presso il Teatro Ariston, tre quinte dell’ITE e varie classi del Liceo hanno assistito allo spettacolo Uomini, Soldati, Eroi, con Lina Senese.

Quando, dopo i brusii e i goliardici applausi stonati di qualche studente nelle retrovie, la giovane platea si è messa in sintonia con i professionisti sul palco, noi insegnanti abbiamo avuto uno dei nostri confortanti momenti di consapevolezza: è questo ciò che dobbiamo offrire ai ragazzi, dentro e fuori la scuola: lo spessore culturale, la ricerca appassionata, la scoperta sorprendente, il coraggio della propria identità, la forza dello sdegno, la tenerezza della compassione, la disposizione alla riflessione e al cambiamento.

La formula del teatro-canzone, con tre musicisti in scena, una lettrice al leggio e la cantante Lina Senese protagonista con i suoi canti, ha convinto gli studenti e li ha fatti entrare nella storia della Grande Guerra, nel filone narrativo principale e in rivoli laterali poco noti: piccole storie, aneddoti, curiosità, eventi legati ai loro luoghi (Gaeta, i paesi del circondario, Sessa Aurunca). Si sono interessati al racconto, sempre sottolineato da immagini felicementre composte, spesso inedite. Con attenzione hanno ascoltato la ‘prof’ Pina Sciarra, e con animo ben disposto hanno condiviso le emozioni della cantante, hanno accolto la sua voce bellissima - ora cullante, ora ironica, ora dura e sferzante. Nel finale, con l’abito rosso fasciato dal tricolore, Lina li ha guidati ad alzarsi in piedi e a cantare l’inno nazionale: tutti fratelli, come quei ragazzi in trincea che sono stati i protagonisti dello spettacolo. Quei ragazzi che sfidavano i superiori urlando “Gorizia Maledetta”, quei soldati ‘’nnammurati’ che opponevano il loro sentimento censurato alla guerra, tutti quei combattenti di tante nazioni finiti troppo presto “sepolti all’ombra di un tulipano”.